Reati fallimentari: occorre ridefinire il perimetro del reato di dolo eventuale

Soccorso alpino e speleologico: indennità aggiornata 2022
Soccorso alpino e speleologico: indennità aggiornata 2022
2 Maggio 2022
Periodo di prova: come cambiano le regole, i limiti e le sanzioni
Periodo di prova: come cambiano le regole, i limiti e le sanzioni
3 Maggio 2022

I commissari straordinari del Consiglio nazionale dei commercialisti, in un documento inviato alla Commissione ministeriale per la revisione dei reati fallimentari, hanno evidenziato la necessità di “Ridefinire il perimetro del reato di dolo eventuale, riconducendolo ai naturali requisiti di intenzionalità dolosa, che devono essere fattuali e che non possono tradursi in una presunzione di colpevolezza sull’assioma difetto di controlli, anch’essi sovente presunti, uguale intenzionalità di favorire il compimento di reati e dunque concorso in essi”. Il Consiglio nazionale dei commercialisti auspica che la Commissione “prenda in esame ogni possibile soluzione normativa atta a ripristinare il confine da condotte colpose e condotte dolose, così che i procedimenti di natura penale coinvolgano i professionisti solo quando essi hanno agito intenzionalmente”.

Comments are closed.

Contatti