Creditori pubblici qualificati: per quali importi scatta l’obbligo di segnalazione del debito all’imprenditore

Artigiani e commercianti: in arrivo avvisi bonari per le rate Covid
Artigiani e commercianti: in arrivo avvisi bonari per le rate Covid
30 Marzo 2022
Politiche attive, Italia maglia nera
Politiche attive, Italia maglia nera
31 Marzo 2022

Il decreto sulla crisi d’impresa ha differito ulteriormente al 16 maggio 2022 l’entrata in vigore del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza e ha rinviato al 31 dicembre 2023 l’operatività delle procedure di allerta e di composizione assistita della crisi in esso contenute. Nell’ambito di tali strumenti, con decorrenza 1° gennaio 2022, i creditori pubblici qualificati hanno l’obbligo di segnalazione all’imprenditore e, ove esistente, all’organo di controllo, il superamento di determinate soglie di esposizione debitoria fiscale e/o contributiva. I creditori pubblici qualificati, INPS, Agenzia delle Entrate e Agenzia delle Entrate-Riscossione, devono rispettare determinati termini temporali e limiti di importo, trascorsi e superati i quali devono attivare la procedura di segnalazione. Quali sono per ciascun ente?

Comments are closed.

Contatti