Brexit: slitta al 2023 l’obbligo del marchio di conformità UKCA. Ad alcune condizioni

Obblighi trasparenza ordini professionali: chiesto tavolo tecnico ad ANAC
Obblighi trasparenza ordini professionali: chiesto tavolo tecnico ad ANAC
11 Ottobre 2021
Sui contributi per la pensione niente rivalutazione per il calo del Pil
Sui contributi per la pensione niente rivalutazione per il calo del Pil
12 Ottobre 2021

La proroga al 1° gennaio 2023 stabilita per l’introduzione dell’obbligo del marchio di conformità UKCA dà più tempo alle aziende europee per conformarsi alle nuove norme sui prodotti destinati al mercato di Inghilterra, Scozia e Galles. Resta esclusa la merce destinata all’Irlanda del Nord, per cui rimarrà applicabile la marcatura CE. L’utilizzo transitorio del marchio CE resta legato all’equivalenza delle norme alla base dei due marchi CE e UKCA e ad alcune condizioni sul rilascio della relativa documentazione. Occorre in ogni caso verificare i requisiti tecnici e le norme previste per particolari prodotti, come medicinali, prodotti chimici, veicoli, quando è possibile autocertificare la conformità o ricorrere alla certificazione di enti nominati dalle autorità britanniche.

Comments are closed.

Contatti