Brexit e origine preferenziale delle merci: come gestire gli scambi commerciali tra UE e UK

PNRR: la governance assume una natura dinamica
PNRR: la governance assume una natura dinamica
2 Novembre 2021
Manodopera, obbligatorio il Durc di congruità nei cantieri edili
Manodopera, obbligatorio il Durc di congruità nei cantieri edili
3 Novembre 2021

Le imprese che effettuano importazioni e esportazioni tra UE e UK devono gestire con attenzione le modalità per la determinazione dell’origine preferenziale delle merci al fine della fruizione dei regimi preferenziali dell’UE. Occorre, infatti, considerare che con la fine del periodo di transizione il Regno Unito non fa più parte del territorio doganale dell’Unione Europea, con la conseguenza che i fattori produttivi britannici (materiali e operazioni di trasformazione) devono essere considerati “non originari”. In particolare, se entro il 1° gennaio 2022 l’esportatore non disporrà delle necessarie dichiarazioni del fornitore e non sarà in grado di dimostrare il carattere originario del prodotto con altri mezzi di prova, l’attestazione di origine precedentemente prodotta non potrà, quindi, essere considerata valida.

Comments are closed.

Contatti